Storia Negata

La storia negata

Oggi, 1 febbraio 1863, a Foggia la Commissione parlamentare d'inchiesta sul brigantaggio in Capitanata

di Antonio Blasotta

I campi di sterminio tedeschi presero esempio da FENESTRELLA

La vera storia del lager di Fenestrelle dove i Savoia scannarono e fecero sparire nella calce migliaia di meridionali!

" i fratelli piemontesi"

Cavour un imbroglione di genio, bugiardo di proporzioni   industriali

La prima Fabbrica Metalmeccanica d’Italia per numero di operai: siamo nel 1840 e a Pietrarsa, vicino Napoli, funziona a pieno regime l’Opificio di Pietrarsa che dava lavoro a mille persone e con l’indotto di altre fabbriche a San Giovanni a Teduccio, ne dava ad altre settemilapersone.

La prima Fabbrica Metalmeccanica d’Italia per numero di operai: siamo nel 1840 e a Pietrarsa, vicino Napoli, funziona a pieno regime l’Opificio di Pietrarsa che dava lavoro a mille persone e con l’indotto di altre fabbriche a San Giovanni a Teduccio, ne dava ad altre settemilapersone.

1 i frat. piemontesi

Dio maledica i Savoia

17098519 735901709897671 2801718095995564603 n

LA STORIA CHE NON SI RACCONTA

la storia che non si racconta

«Le imprese di Garibaldi nelle Due Sicilie parvero sinora così strane che i suoi ammiratori hanno potuto chiamarle prodigiose. 

Un pugno di giovani guidati da un audacissimo sconfigge eserciti, piglia d’assalto città in poche settimane, si fa padrone di un reame di nove milioni di abitanti. 

E ciò senza navigli e sez’armi: altro che veni, vidi, vici! 
Non havvi Cesare che tenga a petto di Garibaldi.

I miracoli non li ha fatti lui ma il generale Nunziante e li altri ufficiali dell’esercito che, con infinito onore dell’armata napoletana, disertarono la loro bandiera per correre sotto quella del nemico;

i miracoli li ha fatti la Guardia Nazionale che, secondo il solito, voltò le armi contro il Re che gliela aveva date poche ore prima;

li ha fatti il Gabinetto di Liborio Romano il quale, dopo aver genuflesso fino al giorno di ieri appiè del trono di Francesco II, si prostra ai piedi di Garibaldi. 

Dunque non state a contare le prodezze di sua maestà Garibaldi I. 

Egli non è che il comodino della rivoluzione.

Le società segrete che hanno le loro reti in tutto il paese delle Due Sicilie, hanno di lunga mano preparato ogni cosa per la rivoluzione. 

E quando fu tutto apparecchiato si chiamò Garibaldi ad eseguire i piani».

Love

Wow