Bravo Presidente!!!

mattarella

Mattarella e il perimetro anti sfascio

Bordate contro pm da talk show e creduloni no vax. Meglio di un monito

di Claudio Cerasa

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

23 Ottobre 2017 alle 20:44

Sergio Mattarella (foto LaPresse)

Il passo è sempre felpato ma la direzione è sempre più chiara e nel giro di pochi giorni il presidente apparentemente senza forte identità ha cominciato a mostrare qua e là quale debba essere il perimetro dell’Italia di buon senso alternativa all’Italia del populismo. Sergio Mattarella lo ha fatto prima colpendo al cuore i professionisti della repubblica giudiziaria (“La toga non è un abito di scena”) e poi osservando la disposizione in campo delle forze politiche sulla legge elettorale (una legge che Mattarella apprezza perché permette di dare alle forze politiche affidabili la possibilità di poter arrivare al voto con un piano A ma anche con un piano B). 

Anche Mattarella in difesa dei vaccini

"Non possiamo accettare che le credenze anti-scientifiche ostacolino indispensabili azioni preventive come le vaccinazioni", ha detto il presidente della Repubblica  E lo ha fatto lunedì intervenendo contro la democrazia dei creduloni, alla cerimonia dei Giorni della ricerca al Quirinale, ricordando che “non possiamo accettare che nel Ventunesimo secolo acquistino credito credenze anti-scientifiche e che queste credenze ostacolino indispensabili azioni preventive come le vaccinazioni”. Niente gogna. Niente magistrati da talk-show. Niente sfascio sulla legge elettorale. Niente creduloni. Niente no vax. Il perimetro è chiaro. Il messaggio pure. I destinatari non ne parliamo. Forse, i segnali, messi insieme, sono persino meglio di un monito.   

 

Mattarella e il perimetro anti sfascio

Bordate contro pm da talk show e creduloni no vax. Meglio di un monito

 

di Claudio Cerasa

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

23 Ottobre 2017 alle 20:44

 

Sergio Mattarella (foto LaPresse)

Il passo è sempre felpato ma la direzione è sempre più chiara e nel giro di pochi giorni il presidente apparentemente senza forte identità ha cominciato a mostrare qua e là quale debba essere il perimetro dell’Italia di buon senso alternativa all’Italia del populismo. Sergio Mattarella lo ha fatto prima colpendo al cuore i professionisti della repubblica giudiziaria (“La toga non è un abito di scena”) e poi osservando la disposizione in campo delle forze politiche sulla legge elettorale (una legge che Mattarella apprezza perché permette di dare alle forze politiche affidabili la possibilità di poter arrivare al voto con un piano A ma anche con un piano B). 

 

Anche Mattarella in difesa dei vaccini

"Non possiamo accettare che le credenze anti-scientifiche ostacolino indispensabili azioni preventive come le vaccinazioni", ha detto il presidente della Repubblica  E lo ha fatto lunedì intervenendo contro la democrazia dei creduloni, alla cerimonia dei Giorni della ricerca al Quirinale, ricordando che “non possiamo accettare che nel Ventunesimo secolo acquistino credito credenze anti-scientifiche e che queste credenze ostacolino indispensabili azioni preventive come le vaccinazioni”. Niente gogna. Niente magistrati da talk-show. Niente sfascio sulla legge elettorale. Niente creduloni. Niente no vax. Il perimetro è chiaro. Il messaggio pure. I destinatari non ne parliamo. Forse, i segnali, messi insieme, sono persino meglio di un monito.   

 

 

Mattarella e il perimetro anti sfascio

Bordate contro pm da talk show e creduloni no vax. Meglio di un monito

 

di Claudio Cerasa

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

23 Ottobre 2017 alle 20:44

 

Sergio Mattarella (foto LaPresse)

Il passo è sempre felpato ma la direzione è sempre più chiara e nel giro di pochi giorni il presidente apparentemente senza forte identità ha cominciato a mostrare qua e là quale debba essere il perimetro dell’Italia di buon senso alternativa all’Italia del populismo. Sergio Mattarella lo ha fatto prima colpendo al cuore i professionisti della repubblica giudiziaria (“La toga non è un abito di scena”) e poi osservando la disposizione in campo delle forze politiche sulla legge elettorale (una legge che Mattarella apprezza perché permette di dare alle forze politiche affidabili la possibilità di poter arrivare al voto con un piano A ma anche con un piano B). 

 

Anche Mattarella in difesa dei vaccini

"Non possiamo accettare che le credenze anti-scientifiche ostacolino indispensabili azioni preventive come le vaccinazioni", ha detto il presidente della Repubblica  E lo ha fatto lunedì intervenendo contro la democrazia dei creduloni, alla cerimonia dei Giorni della ricerca al Quirinale, ricordando che “non possiamo accettare che nel Ventunesimo secolo acquistino credito credenze anti-scientifiche e che queste credenze ostacolino indispensabili azioni preventive come le vaccinazioni”. Niente gogna. Niente magistrati da talk-show. Niente sfascio sulla legge elettorale. Niente creduloni. Niente no vax. Il perimetro è chiaro. Il messaggio pure. I destinatari non ne parliamo. Forse, i segnali, messi insieme, sono persino meglio di un monito.